Cos’è la cosmetica naturale e come orientarsi

A differenza dei prodotti alimentari, in Europa (nel settore cosmetico), non esiste alcuna legge che stabilisce cos’è un cosmetico biologico e/o naturale.

Diversi paesi e produttori si avvicinano in modo molto diverso alla cosmetica naturale, quindi si può segnalare come prodotto naturale sia uno che ha il 5% dell’ INCI (indice dei prodotti nelle etichette) di origine naturale sia uno che ne ha il 100%. Detto questo si capisce perchè è difficile orientarsi per il consumatore.

Considerando che la pelle è il nostro organo più grande, tutto quello che ci mettiamo sopra finisce nel nostro corpo. Quindi oltre a preoccuparci per quello che mangiamo, dovremmo stare anche attenti a quello che usiamo come prodotti cosmetici (dentifricio, deodorante, shampoo, doccia schiuma, schiuma da barba, creme etc.). Alcuni ingredienti artificiali e potenzialmente dannosi, a lungo andare, si accumulano nel nostro corpo e compaiono le intolleranze e allergie. Ho sentito parlare anche del cancro al seno maschile causato dall’uso dei deodoranti, ma visto che i deodoranti sono ancora in vendita, direi che non è scientificamente provato.

Beh, e come facciamo allora? In Italia c’è ICEA, in Francia c’è EcoCert, in Inghilterra Soil Association ossia l’ente pubblica della certificazione per tutti i produttori che che usano solo ingredienti naturali / biologiche ed eticamente corretti.

In ogni caso ecco una breve guida per facilitare la scelta dei prodotti:

  • Scegli i prodotti su cui c’è chiaramente scritto che tutti i prodotti contenuti sono di origine naturale.
  • Cosmetica naturale non contiene ingredienti sintetici o artificiali. Evita i colori sintetici, profumi, oli minerali, solfiti, siliconi, ingredienti geneticamente modificati e anche conservanti. Attenti però: ci sono sempre i conservanti quando si parla di prodotti naturali perchè si deteriorano prima. Nella cosmetica naturale vengono usati conservanti approvati –  i due più frequenti sono “Sodium benzoate” e “Potassium sorbate”.
  • Fidati di prodotti che hanno sopra i certificati ecologici. Questi prodotti sono stati testati e controllati da Enti appositi per dare garanzia ai propri consumatori. Bisogna conoscere le varie certificazioni, perchè non tutti dimostrano che il prodotto è 100% naturale.
  • Nel dubbio è sempre una buona prassi dare un’occhiata agli ingredienti. In genere se non solo stati lavorati, gli ingredienti sono scritti in latino e quindi se non siamo dei scienziati abbiamo bisogno di qualche aiuto. Qui ci sono dei database che spiegano l’INCI dei prodotti. Ad esempio Cosmeticsinfo oppure la ricerca dei prodotti che si trova dal sito del ICEA. Inoltre ci sono due APP che potrebbero tornarti utili: “CosmEthics” e “Greenity – Bio INCI Cosmetici”.

Ecco le certificazioni e i loro significati:

Garantito da LAVICEA Cosmos OrganicICEA Eco Bio Cosmesi

  • LAV:  prodotti non sono testati su animali
  • ICEA Cosmos Organic: almeno il 20% degli ingredienti è biologico (i prodotti da risciacquo e quelli con almeno l’80% di ingredienti di origine minerale hanno il limite di 10%). Gli ingredienti agricole fisicamente trasformati sono BIO almeno per il 95%.
  • ICEA Cosmos Natural: I prodotti naturali cosmetici che, pur presentando materie prime naturali, non raggiungono elevati livelli di biologico in formula; Sulla etichetta insieme con “Cosmos Natural” può esserci anche il percentuale di materie prime biologiche.
  • ICEA Eco Bio Cosmesi e Cosmesi Naturale: certifica sia prodotti cosmetici,  sia materie prime per cosmetici che i prodotti cosmetici per uso animale.  In ogni caso garantisce che i prodotti cosmetici sono fatti da ingredienti biologici e sostanze chimiche di origine naturale (sulla base di criteri di sostenibilità ambientale e salubrità). Si tratta di un certificato che è riuscito a trovare il giusto compromesso tra le aspettative di naturalità e salubrità del consumatore e le particolarità ed esigenze dell’industria cosmetica italiana come la necessità di prodotti sufficientemente performanti e profumati o la tradizionale diffidenza dei dermatologi nei confronti del prodotto naturale.

In ogni caso la certificazione ICEA stabilisce che non ci sono derivanti da animali o piante che appartengono alle specie protette, non ci sono materie prime derivanti da parti di animali vivi o macellati. È ammesso il latte, miele, cera e altri ingredienti di origine animale prodotti dagli animali stessi e non derivati dalla loro soppressione o sofferenza.

Ecco alcuni altri certificazioni:

  • Vegan OK: standard etico che garantisce il consumatore sull’assenza di parti di origine animale in ogni genere di prodotto.
  • USDA: ente certificatore in Stati Uniti. Tenere in mente che in America ci sono standard diversi per BIO.
  • Soil association: ente certificatore in Inghilterra, quindi anche loro hanno “Cosmos organic” e “Cosmos natural” come ICEA.
  • EcoCert: ente certificatore in Francia che aderiscono ai rigidi regolamenti di “Cosmos organic” e “Cosmos natural”.
  • FairTrade: ingredienti contenuti nei cosmetici sono prodotti in paesi in sviluppo da piccole realtà contadine. Fairtrade garantisce un prezzo equo e un reddito equo per investire in progetti che migliorano le loro comunità.

Foto da Freepik

Grete

Web designer 24 anni / estone / Professionista in ambito di sviluppo siti web e appassionata per il fai da te. Guardo il mondo con curiosità. Mi piace fare esperimenti, provare nuovi hobby e fare ricerche - sarebbe un peccato non condividerli.

Non ci sono ancora i commenti

Commenti sono chiusi